Vota la ricetta

Qual è la ricetta che più rappresenta Venosa?

View Results

Loading ... Loading ...

Proverbi e Poesie

Poesia 2010 by Guarino – Larocca

 

Quan’ chiuov, la polvere non sa auz

e non centr nind ch “u preim s‘ auz preim s’ cauz”

Quando piove, la polvere non si alza
e non centra niente con il detto:
il prima che si alza per primo mette le scarpe.
(In altri tempi non tutti avevano le scarpe)

 

U ci‘l è gregie e senza sole

e s’ p’c‘s’ inz, u ‘mbrell c’vole

Il cielo è grigio e non c'è il sole
e se per caso esci l'ombrello ci vuole

 

Ma non z’iam’ie inz’ senza giubbott,

qualche raun semb t’abbott.

Ma se per caso esci senza giubotto

c'è sempre qualcuno che critica

 

U cunseglier d‘ torn non manc’ m’ie,

u truv semp: air, osci’ e cr’ie

Il consigliere di turno non manca mai

lo trovi sempre, ieri, oggi e domani

 

Accummenz a chiove e me guard attorn,

la gent se repar o se ne v‘ie au forn

Inizia a piovere e mi guardo intorno

la gente si ripara o se ne va al forno

 

Cu’mbrell, acqu’ e vind,

e “lu spezial‘ st’ie all’abbind”.

Con l'ombrello, acqua e vento,

il farmacista non vende.

(riferimento ad un altro detto:

quann u caul men vint lu spezial' staie all'abbind)

 

N’u b’cchir d’ vein e na pézz n’cumpagnaie,

jè semb meglie d‘ st’ saul mizz alla v‘ie

Un bicchiere di vino e una pizza in compagnia

è sempre meglio di stare in mezzo alla via

 

Le mach’n agger’n attorn au paese,

e qualche r’aun v‘ie a fa paur la spese

Le auto girano intorno al paese

e qualcuno va a fare pure la spesa

 

cunvent ca po’ quan torn alla c‘s’,

la m’glier u r‘ngrazi’ e l’ d’je paur nù v’s

convinto che dopo, quando torna a casa,

la moglie lo ringrazia e gl da pure un bacio

 

Autore, Antonio Guarino
Revisione: Nicola Larocca

Traduzione: Nicola Larocca

Proverbi di Venosa – Parte 3

Non mual e fet.
Non serve e puzza.

Non tene pan’ e v‘ie truvann sardell.
Non ha pane e cerca sardine

Cort e mal cavat
Piccolo e cattivo

Predech e m’laun seond l’ stagion.
Prediche e meloni secondo le stagioni

A cas’ d’ sunataur non s’  portn ser’nt.
A casa dei suonatori non si portano serenate

la pagl’ v’c metenn.
Per la paglia vado mietendo.

Carta cant e u marasciall dorm.
Carta canta è il maresciallo dorme
Il bue chiama cornuto all’asino

Peglie un bun quann l’haie ca u trest non mang maie
Prendi il buono quando arriva che il brutto non manca mai.

Megl’e a ess ‘nvdiat ca cumpiataut.
Meglio essere invidiato che compatito.

Pass’t u sant pass’t la fest.
Passato il santo, passa anche la festa.

S’ cuntal non se’, cuntal non purt.
Se non pesi un quintale non puoi portare un quintale

La figlia maup la mamm l’andenn.
La figlia muta la mamma la capisce.

Quann la gatt non arraive a u lard daice che jè arangi’t.
Il gatto quando non arriva al lardo dice che non è buono.

Ogn pech aggiov
Ogni poco giova.

Sop u cutt l’acqua v’ddaut.
Sopra il cotto l’acqua bollente.

Proverbi di Venosa – Parte 2

Rumor d’ furc’ e senz l’n’.
Rumore di forbici e senza lana.

Sant n’chis e diavul n’c’s.
Santo in chiesa e diavolo in casa.

Quann se martidd batt e quann s’codn statt.
Quando sei martello batti e quando sei incudine resta fermo.

Quann chiove e men vint statt a l’abbint.
Quando piove e tira vento non far nulla.

Pins com s’ aviss morè craie, e fa com s’ aviss murè maie.
Pensa come se dovessi morire domani e fai come se non dovessi morire mai.

A la vecchieie l’ cauzitt ross.
Alla vecchiaia ha messo le calze rosse.

Va ch’ chire meglie d’ te e pag’l p’ur la spesa.
Frequenta persone migliori di te e pagagli pure la spesa.

Sp’aut in aria ca ‘n’faccia t’ vene.
Se sputi in aria, ti ritorna in faccia.

I cioccie fann laite e i varrail vann p’ sott.
Gli asini litigano e i barili si rompono

U sazie non crere au r’scione.
Chi è sazio non crede a chi è digiuno.

Proverbi di Venosa – Parte 1

u pan moc a ch no’ ten i dint.
il pane va a chi non ha denti

i ciocc fann lait e i varrail vann p’ sott.
gli asini litigano e i barili si sfasciano.

no’ ten pan e v’ie truvann sardell.
non ha pane e cerca sardelle.

ind la vegn du preut no’ car la grannanet.
nella vigna del prete non cade la grandine

quan u caul men vint u spzzial st’ie alla bind.
quando scorreggi il farmacista non vende medicine

attac u ciocc a d vol u pratraun.
lega il somaro dove vuole il padrone.

ch’ raciop v’nnegn.
chi raccoglie i grappoli piccoli vendemmia.

add arraiv chiant u zeppr dove arrivo mi fermo.
s’ cuntl non sei cuntl non purt.
se non pesi un quintale non puoi portare un quintale

Poesia in Venosino Calendario 2010

Proverbi di Venosa Calendario 2010 – Video