Vota la ricetta

Qual è la ricetta che più rappresenta Venosa?

View Results

Loading ... Loading ...

Proverbi di Venosa – Parte 3

Non mual e fet.
Non serve e puzza.

Non tene pan’ e v‘ie truvann sardell.
Non ha pane e cerca sardine

Cort e mal cavat
Piccolo e cattivo

Predech e m’laun seond l’ stagion.
Prediche e meloni secondo le stagioni

A cas’ d’ sunataur non s’  portn ser’nt.
A casa dei suonatori non si portano serenate

la pagl’ v’c metenn.
Per la paglia vado mietendo.

Carta cant e u marasciall dorm.
Carta canta è il maresciallo dorme
Il bue chiama cornuto all’asino

Peglie un bun quann l’haie ca u trest non mang maie
Prendi il buono quando arriva che il brutto non manca mai.

Megl’e a ess ‘nvdiat ca cumpiataut.
Meglio essere invidiato che compatito.

Pass’t u sant pass’t la fest.
Passato il santo, passa anche la festa.

S’ cuntal non se’, cuntal non purt.
Se non pesi un quintale non puoi portare un quintale

La figlia maup la mamm l’andenn.
La figlia muta la mamma la capisce.

Quann la gatt non arraive a u lard daice che jè arangi’t.
Il gatto quando non arriva al lardo dice che non è buono.

Ogn pech aggiov
Ogni poco giova.

Sop u cutt l’acqua v’ddaut.
Sopra il cotto l’acqua bollente.

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento