Vota la ricetta

Qual è la ricetta che più rappresenta Venosa?

View Results

Loading ... Loading ...

Proverbi di Venosa – Parte 2

Rumor d’ furc’ e senz l’n’.
Rumore di forbici e senza lana.

Sant n’chis e diavul n’c’s.
Santo in chiesa e diavolo in casa.

Quann se martidd batt e quann s’codn statt.
Quando sei martello batti e quando sei incudine resta fermo.

Quann chiove e men vint statt a l’abbint.
Quando piove e tira vento non far nulla.

Pins com s’ aviss morè craie, e fa com s’ aviss murè maie.
Pensa come se dovessi morire domani e fai come se non dovessi morire mai.

A la vecchieie l’ cauzitt ross.
Alla vecchiaia ha messo le calze rosse.

Va ch’ chire meglie d’ te e pag’l p’ur la spesa.
Frequenta persone migliori di te e pagagli pure la spesa.

Sp’aut in aria ca ‘n’faccia t’ vene.
Se sputi in aria, ti ritorna in faccia.

I cioccie fann laite e i varrail vann p’ sott.
Gli asini litigano e i barili si rompono

U sazie non crere au r’scione.
Chi è sazio non crede a chi è digiuno.

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento